Di(a)lettiamoci

No Picture

Una parola un perché. Cuppetille

Sostantivo maschile (diminutivo di cuppe; arc. cuppetidde): 1. piccolo contenitore di carta arrotolata (usata dal venditore di semi); 2. cono gelato; 3. piccolo cono di carta (usato come proiettile della cerbottana). Dal dizionario dialettale ortese,…


Una parola un perché. Nzuffecande

Aggettivo (participio presente di nzuffeca°), indica una persona esigente, incontentabile e opprimente. (dal Dizionario dialettale ortese, di Potito Di Pietro). E’ una delle tante parole che iniziano con la sillaba nz, prefisso tipico della cultura…


Una parola, un perché. Cialune

A cura di Potito Di Pietro, Dizionario dialettale ortese Avverbio che vuol dire andare a zonzo, perdendo tempo. // Jì cialune: andare perdendo tempo; ….. e cinguandune la mamme va°ce cialune: ultimo avvertimento ai giocatori…


Una parola un perché. Turnalitte

Il sostantivo maschile Turnalitte (composto da ndurne au litte) indica una striscia di stoffa fermata con legacci che si metteva intorno al letto (Dizionario dialettale ortese, di Potito Di Pietro) Era un termine utilizzato in…


Accadde oggi, 18 ottobre

Nel 1975 nasce il Fai, Fondo per l’Ambiente Italiano, fondazione senza lucro con lo scopo di tutelare, salvaguardare e valorizzare il patrimonio artistico e naturale.  Alla VII edizione del Censimento “I luoghi del cuore” partecipano…


Una parole un perché. Fàveze

Aggettivo che vuol dire falso, ipocrita. Esiste anche l’accrescitivo favezone, con il  significativo di persona esageratamente bugiarda. Tratto da Dizionario dialettale ortese, di Potito Di Pietro   L’espressione si usa univocamente in tutta la provincia…