Il sindaco Tarantino rassicura: “Equitalia non è e non sarà nell’agenda di questa maggioranza”

di Matteo Piarulli

Due gli argomenti che riguardano la politica ortese; il caso Autovelox e quello Equitalia. A Orta Nova, sembra che la campagna elettorale di ben un anno e due mesi fa non sia ancora terminata e questo si evince dalla parole della maggioranza, ma anche quelle della minoranza non fanno eccezione. Una sfida, quella della politica ortese, che è sfociata non solo a tu per tu ma si è arrivati anche alle denunce, come l’ultima del consigliere Luigi Gulgielmo. Così tra comunicati stampa, note e comizi la battaglia politica continua ancora e cittadini stanchi del politicismo e delle accuse chiedono solo delle risposte concrete e immediate.

IL SINDACO RASSICURA: Inizia cosi la nota del Sindaco dott. Dino Tarantino: “Orta Nova: cascasse il mondo, ma Equitalia non è e non sarà nell’agenda di questa maggioranza” poi rincara la dose “Ad Orta Nova sembra che tutto sia possibile! E’ possibile anche assistere a metamorfosi di personaggi, per lo più consiglieri comunali, che furbescamente si trasformano da audaci lupi affamati in docili agnelli, pur di assalire chi ingenuamente gli si avvicina. Io non ci sto più a questo gioco al massacro! Si è parlato già troppo del presunto incarico che questa amministrazione avrebbe dato ad Equitalia per la riscossione coattiva delle imposte comunali: una mera menzogna! Ebbene sì, ad Orta Nova l’evasione fiscale ha oramai raggiunto livelli sproporzionati (circa 1 milione e mezzo di euro) nell’assoluta indifferenza della precedente amministrazione di centrosinistra. A fine comunicato si legge: “Cascasse il mondo, ma Equitalia non è, e non sarà nell’agenda di questa maggioranza. Sia ben chiaro a tutti. Pur consapevole che Equitalia s.p.a. è il migliore strumento per combattere la grande evasione, questa amministrazione, con l’ausilio dei tecnici comunali, si sta adoperando per trovare altre strade possibili in modo da recuperare in maniera più “umana” le tasse evase.

POI SOTTOLINEA: “Ogni Comune d’Italia ha l’obbligo di recuperare con il coattivo le tasse evase per non incorrere in un danno erariale, pertanto, nel caso ciò non venisse effettuato, si metterebbe in seria discussione il mantenimento dei servizi essenziali per i cittadini con la conseguente perdita di posti di lavoro di padri e madri di famiglia. La prima dimostrazione rinviene dalla soppressione del servizio di trasporto disabili al Centro di Riabilitazione Padre Pio. Di recente, in consiglio comunale si è proceduto semplicemente alla modifica del regolamento delle entrate tributarie ampliando il ventaglio delle opzioni possibili per il recupero del coattivo. Conseguentemente, in modo responsabile, e con l’ausilio dei tecnici, si è aperta una profonda discussione sulle modalità più opportune per gestire una tale emergenza , consapevoli sia dell’attuale periodo storico di disagio economico in cui versano tante famiglie ortesi, sia dell’esistenza di tanti “furbi” portati ad evadere con disinvoltura le tasse comunali.

Purtroppo la carenza di personale al nostro Comune, accompagnata alle ristrettezze legislative che non permettono di effettuare nuove assunzioni, spingono l’Ente a scegliere soluzioni esterne per la gestione della fase del coattivo. In questa direzione, nell’ultima conferenza dei capigruppo, consiglieri di maggioranza e di minoranza, alla presenza dell’assessore al ramo, ebbero a concordare che sarebbe stata indetta un’apposita riunione per affrontare tale problema considerato di prim’ordine. Nella stessa seduta, i consiglieri stabilirono che nel consiglio comunale successivo non sarebbe stato affrontato il problema in attesa della riunione concordata. Cosa è successo in Consiglio comunale? Il “solito”consigliere Annese, violando l’accordo siglato in conferenza dei capigruppo, ha affrontato il problema pronunciando in modo avventuriero e populista in più occasioni la parola Equitalia; lo stesso consigliere in questi giorni si è fatto promotore di una petizione popolare. Non esiste alcun atto di consiglio o di giunta in cui sia menzionata la parola Equitalia. Questa è la dimostrazione che i famelici lupi hanno programmato la caccia agli agnelli.

Se ne sta parlando al solo scopo di suscitare un polverone mediatico. Una vigliaccata di uno “pseudo giullare” che non ha ancora afferrato il punto importante, che in questa città ci sono persone che hanno il sale nella testa e, a differenza sua, agiscono per il bene di tutti i cittadini. Voglio rivolgermi a tutti i miei concittadini, perchè solo ad essi devo dare conto delle mie azioni. Io sono stato eletto dal popolo di Orta Nova e devo curare i loro interessi.

About the Author

Redazione
Periodico d'informazione e cultura del basso tavoliere #5realisiti #Carapelle #OrtaNova #Ordona #Stornara #Stornarella

Commenta questa notizia on "Il sindaco Tarantino rassicura: “Equitalia non è e non sarà nell’agenda di questa maggioranza”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: