Non solo libri: la recensione di “Non avere paura dei libri”

Come nasce la passione per la lettura e l’amore per i libri? Sembra questa la domanda alla quale Christian Mascheroni cerca di dare una risposta nel suo romanzo “Non avere paura dei libri” (Hacca, 2013, 253 pagine, € 14,00). In realtà, ereditando da sua madre “la consapevolezza che siamo nati per non dimenticare” (p. 206), l’Autore va oltre e scrive un racconto autobiografico. Un viaggio di scoperta che ripercorre le tappe della propria vita: “Eva e il mare. Gino e la spiaggia. E poi quella piccola creatura che è cresciuta di onda in onda e che scriveva e leggeva a più non posso, per paura che la corrente la strappasse ai sogni” (p. 81). Una creatura avviata alle lettura dalla rassicurazione della mamma “Non avere paura dei libri”.

Chritian-MascheroniCrescendo, Christian Mascheroni vedrà il suo coraggio di lettore trasformarsi in consapevolezza. “I libri mi aiutano a preservare la memoria, mi aiutano a dissuadere la mia parte adulta dal credere che i sogni siano sempre meno luminosi o che debbano far posto alle cicatrici” (p. 92). E i libri si aggrapperanno alla sua vita, riempiendo le pagine vuote del suo cammino sia di uomo che di professionista della comunicazione e della parola scritta. “È stato forse per questo che ho cominciato a scrivere racconti a sei anni: volevo che le mie storie fossero trattenute nelle pagine di un libro e che un giorno potessero essere divorate, mangiate, bevute e bruciate dalla bellezza intellettuale di mia madre” (pp. 17-18).

Intrecciandosi con la sensibilità e la sincerità del narratore, i ricordi personali e le descrizioni di romanzi, canzoni, illustrazioni, cartoni animati e film diventano, nei capitoli finali, un grido silenzioso di un dolore mai manifestato prima, ma cresciuto nel tempo. La malattia del padre e il male di vivere della madre diventano mostri mitologici contro i quali l’eroe/scrittore è un semplice mortale, incapace di trovare soluzioni vincenti: “I libri mi avevano preparato a tutto, tranne che agli adii” (p. 135).

Un’epopea umana che tocca il cuore del lettore con un linguaggio immediato, curato e pieno di pathos.

L’AUTORE

Christian Mascheroni è nato a Como nel 1974.

Dal 1995 al 1999 ha collaborato al mensile Campus. Come autore televisivo ha lavorato per Mediaset (Popstar, Marte e Venere, Solaris, Ziggie, 2000, Ciak Junior, Appuntamento con la storia, Locandina) e per MTV (Operazione Soundwave). Dal 2009 scrive e conduce, con Marta Perego, il programma televisivo Ti racconto un libro (Iris – Mediaset).

Bibliografia: Impronte di pioggia (L’Ambaradan, 2005), Attraversami (Las Vegas, 2008), vincitore del Premio Editoria Indipendente di Qualità), Alex fa due passi (Las Vegas, 2009).

Recensione a cura di Pasquale Braschi

About the Author

Redazione
Periodico d'informazione e cultura del basso tavoliere #5realisiti #Carapelle #OrtaNova #Ordona #Stornara #Stornarella

Commenta questa notizia on "Non solo libri: la recensione di “Non avere paura dei libri”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: