Orta Nova sempre più bruciata, alle fiamme un’auto all’interno di un deposito

Un incendio di vaste dimensioni ha interessato nella serata di giovedì un capannone di Orta Nova situato nella zona industriale, lungo la strada statale 161, adibito al deposito e alla demolizione di autovetture e mezzi pesanti.

Intorno alle 21.30, scavalcato un muro alto oltre 5 metri, uno o più malviventi si sono introdotti nella struttura e hanno dato alle fiamme un’auto sottoposta a fermo giudiziario. Rapidamente il fuoco ha investito altre due vetture e un camion, danneggiando anche la tettoia del deposito, di recente costruzione e ancora avvolta nel celophane, causando danni per parecchie migliaia di euro.

Il pronto intervento del custode, che ha immediatamente allertato i Vigili del Fuoco, ha evitato guai peggiori. Ci sono volute tre squadre di pompieri e diverse ore per domare le fiamme e mettere in sicurezza la struttura, mentre la città veniva avvolta da un’intensa nube di fumo densa e acre, rendendo così l’aria irrespirabile.

Al vaglio degli inquirenti, che hanno acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza, vi è l’origine dolosa dell’incendio, essendo stato rinvenuto liquido infiammabile nei pressi di un’auto.

I titolari del capannone sono ancora sgomenti e spaventati ma dichiarano di non aver mai ricevuto minacce o intimidazioni.

1incendiocapannonedemolizioniSi tratta dell’ennesimo episodio delinquenziale compiuto a Orta Nova, da mesi oggetto di gravi episodi criminali che fanno salire l’allerta sicurezza.

Solo ieri avevamo infatti raccontato di un altro incendio perpetrato all’interno dell’Istituto scolastico “Olivetti”: un’escalation inarrestabile che preoccupa gli ortesi, in attesa di urgenti provvedimenti da parte dalle autorità competenti alla sicurezza.

About the Author

Redazione
Periodico d'informazione e cultura del basso tavoliere #5realisiti #Carapelle #OrtaNova #Ordona #Stornara #Stornarella

Commenta questa notizia on "Orta Nova sempre più bruciata, alle fiamme un’auto all’interno di un deposito"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: